26/07 - 31/07/2016

Idea


Cos’è la GMG?
La Giornata Mondiale della Gioventù è un incontro internazionale di giovani, provenienti da ogni parte del mondo, che si riuniscono insieme in un posto con i propri preti, catechisti, vescovi e il Papa, per professare la propria fede in Gesù Cristo.

Chi è l’ideatore?
Il fondatore della GMG e il primo a tenerne una è stato S. Giovanni Paolo II, che ha radunò i giovani a Roma (1984, 1985, 2000), Buenos Aires (1987), Santiago de Compostela (1989), Częstochowa (1991), Denver (1993), Manila (1995), Parigi (1997) e Toronto (2002).

GMG - il Papa e i giovani. Insieme.
Quando Giovanni Paolo II venne a mancare, il Papa Benedetto XVI divenne il successore sia del bellissimo dialogo che si era instaurato tra la Chiesa e i giovani, che un grande sostenitore della GMG. Ha tenuto gli incontri di Colonia (2005), Sydney (2008) e Madrid (2011). Grazie al papato di Benedetto XVI, Cristo è stato costantemente lodato e adorato dai giovani di tutto il mondo e la Chiesa ha potuto vedere la propria immagine giovane e vitale, che è così necessaria nel mondo contemporaneo.

Nel 2013, a Rio de Janiero, Papa Francesco ha incontrato i giovani. Ha anche annunciato, che il prossimo incontro si sarebbe tenuto in Polonia, a Cracovia, nel 2016.

Incontri “di prova”
I primi due incontri (1984 e 1985) furono organizzati in occasione del Giubileo straordinario della Redenzione (1983-1984) e l’Anno Internazionale della Gioventù (1985), tuttavia questi eventi non erano propriamente la Giornata Mondiale della Gioventù. Nonostante ciò, fornirono al Papa un incentivo a intraprendere il progetto benedetto, che continua fino al presente.

Istituzione della GMG
La data del 20 Dicembre 1985 viene ritenuta la data della fondazione della Giornata Mondiale della GMG. Mentre scambiava gli auguri natalizi con i Cardinali e gli impiegati della Curia Romana, Giovanni Paolo II espresse il desiderio di tenere una Giornata Mondiale della Gioventù ogni anno durante la Domenica delle Palme, come incontro a livello diocesano, mentre ogni due o tre anni come incontro internazionale in un paese scelto da lui.

Comunità, fonazione e gioia della fede
L’obiettivo della Giornata, è quello di far vivere l’esperienza della grande comunità della Chiesa Universale, ascoltando la parola di Dio, amministrando i sacramenti della Eucarestia e della confessione, come nella gioiosa adorazione di Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore.

I simboli della GMG: la Croce e l’Icona
Gli incontri sono accompagnati dalla presenza di due simboli particolari, donati da Giovanni Paolo II. Si tratta della Croce della GMG e dell’Icona di Maria Salus Populi Romani.
Questi simboli non restano con i giovani solamente durante la GMG, ma vengono portati in viaggio per il mondo, riunendo migliaia di giovani in preghiera e adorazione ogni giorno.
Durante Domenica delle Palme del 13 Aprile 2014 a Roma, i simboli sono stati affidati dal Papa ai giovani polacchi, dando così inizio al loro pellegrinaggio attraverso le diocesi polacche e alcuni paese dell’Est Europa.

GMG - incontri tematici
Ogni GMG richiede un’adeguata preparazione in termini di contenuti, su cui rifletteranno i giovani che riuniscono per qualche giorno a gruppi, in base all’appartenenza linguistica. Il tema degli incontri annuali è scelto dal Santo Padre, che indirizza il Messaggio direttamente ai giovani. Durante la GMG. Il contenuto del messaggio viene affrontato più ampiamente nel corso di tre giorni di incontri, un triduo di catechesi.

Quanto dura la GMG?
La GMG è formata da più incontri giornalieri. Oggi ci sono due componenti principali: le “Giornate nelle Diocesi”, durante le quali i giovani si ritrovano in un aerea prestabilita della nazione ospitante, e gli “Eventi Principali”, che si tengono nella città ospitante per una settimana.

Qual è l’obiettivo delle “Giornate nelle Diocesi”?
La struttura delle “Giornate nelle Diocesi” dipende dalle caratteristiche dello stile di vita della diocesi ospitante. E’ un momento per conoscersi meglio, integrarsi, familiarizzare con la cultura orientarsi nella regione ospitante. Ciò include gite turistiche, giochi comuni e il coinvolgimento in varie iniziative e attività sociali precedentemente preparate dagli organizzatori.

Come è strutturata l’intera settimana della GMG?
Una volta finite le “Giornate nelle Diocesi”, tutti i partecipanti si recano nella diocesi indicata dal Santo Padre come luogo degli eventi principali. I giovani si riuniscono qui per una settimana. Lunedì si recano nel luogo assegnato, martedì invece partecipano alla cerimonia di apertura. Mercoledì, giovedì e venerdì invece, prendono parte alla catechesi e al Festival della Gioventù. Sabato vanno in pellegrinaggio al luogo disposto per la Veglia e al partecipano all’incontro serale con il Papa. Domenica viene celebrata la Messa conclusiva. Durante gli eventi principali sono presenti delle speciali zone d’incontro - la Zona della Riconciliazione e il Centro delle Vocazioni.

Note importanti
La partecipazione alla GMG dura due settimane, ma dobbiamo ricordare che l’incontro necessita di un periodo di preparazione logistica e spirituale. Ecco perché, il periodo della GMG inizia propriamente dal momento in cui si decide di partecipare e finisce con il compimento della missione data dall’incontro.

Quante persone partecipano alla GMG?
Solitamente agli incontri partecipa un grande numero di persone. In media, alcune centinaia di migliaia di giovani prende parte all’intera settimana. Tuttavia, verso la sera della veglia con il Papa di sabato, il numero di partecipanti cresce ulteriormente, fino ad arrivare a un milione o due. Fino ad ora gli incontri più numerosi si sono tenuti a Manila nelle Filippine (1995) con 4 milioni di partecipanti e a Rio de Janeiro in Brasile (2013), dove la spiaggia di Copacabana ha ospitato più di 3 milioni di persone. Per quanto riguarda gli incontri in Europa, quello che ha registrato la maggior affluenza è stato nel 2000 a Roma, quando la preghiera di Giovanni Paolo II è stata seguita da 2 milioni e 180 mila giovani.

I giovani e chi li accompagna
A parte i giovani, all’incontro partecipano anche molti vescovi, preti, monaci e suore, uomini e donne consacrati, seminaristi, novizie e anche, per un certo periodo, giovani insegnanti e professori universitari laici. Durante l’ultima GMG in Europa tenutasi a Madrid (2011), c’erano 800 vescovi, 14 mila preti e altre centinaia di frati.

GMG 2014 - 2016

Ventinovesima Giornata Mondiale della Gioventù 2014, livello diocesano:
Beati i poveri nello spirito, perché di essi è il regno dei Cieli (Mt 5:3)

Trentesima Giornata Mondiale della Gioventù 2015, livello diocesano:
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio (Mt 5:8)

Trentunesima Giornata Mondiale della Gioventù 2016, livello internazionale:
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7)

Sei invitato - non sentirti solo!
Vivere la comunità, è uno dei frutti più preziosi della partecipazione alla GMG! Quindi non aspettare altri inviti. Hai trovato questo sito, sentiti il benvenuto e unisciti agli altri numerosi giovani che si stanno preparando nelle loro parrocchie per l’incontro a Cracovia.

Questa pagina web contiene cookies. Stando su questa pagina, accetti le condizioni d'uso dei cookies.

Confermo